Quesito del giorno:

Siamo d’accordo sul fatto che l’unica risorsa che resta a noi poveri esseri abitanti sulla terra sia l’amore.

Pertanto siamo alla costante ricerca di quel grande amore visto nei film in cui gli innamorati fanno gesti strampalati ed esuberanti pur di conquistare quell’unica e sola anima che a loro credono affine ( non fosse l’unica perderebbe di senso il grande gesto).

La domanda che mi sorge è: se veramente l’amore ( in tutte le sue forme) è ciò che più ci rende vivi dovremmo forse tentare di elemosinarlo pure da chi per la strada non sembra rivolgerci sguardi ( pur di vivere momenti che siano pieni di vita e quindi di amore, non è forse questo che conta?), o ancora in ultimo da chi sappiamo che a lungo andare non farebbe al caso nostro ?

Dobbiamo davvero ricercalo come un disperso nel Sahara ricerca l’acqua, cioè come qualcosa senza la quale non siamo capaci di sopravvivere?

Riuscire a trovarlo pure se non ve ne è traccia o attendere quell’acquazzone dal quale nessun ombrello ti ripara?